QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

La cooperativa Agrisol cresce e tocca i 2.200 soci


La cooperativa Agrisol cresce e tocca i 2.200 soci
 Aumentata la domanda di interventi per impianti di irrigazione. Buono l'andamento per la raccolta dei cereali.
Può essere soddisfatto della situazione attuale di Agrisol il presidente Giampiero Reggidori, alla luce delle attività di questo 2017. La cooperativa agricola di Bagnacavallo, che ha ufficialmente incorporato  la cooperativa Comacer, è  nella fase finale della  riorganizzazione strutturale.  Dal punto di vista produttivo mantiene un sostanziale coordinamento simile al precedente, vista la collaborazione preesistente fra le due cooperative, quindi registra un segnale  positivo per quanto riguarda l'andamento delle operazioni in corso. Infatti, se dal punto di vista formale è ancora in corso lo spostamento della sede amministrativa della cooperativa, con alcuni uffici che si spostano nell'immobile in cui aveva sede la Comacer, le attività proseguono a gonfie vele.

Per quanto attiene il 2017, la torrida estate ha infatti portato con sé un grande incremento della domanda di interventi per impianti di irrigazione, perché la scarsità di acqua meteorica e la necessità di ottimizzare l'utilizzo dell'acqua irrigua per l'agricoltura ha portato diversi soci della cooperativa, (in totale oggi, dopo la fusione, circa  2.200), a rivolgersi ad Agrisol per questa esigenza. A dare un significativo apporto al segno più che si sta registrando fino a questo momento, è stata anche la raccolta dei cereali: la primavera piovosa che si è avuta quest'anno ha sicuramente dato un importante contributo per quanto riguarda la qualità del grano, ma anche spostando lo sguardo verso il mais si può dire che in presenza di irrigazione, la produzione e la qualità sono state buone.

“Siamo sicuramente soddisfatti del nostro lavoro, soprattutto perché le attività sono al servizio dei Soci e devono perseguire le loro esigenze e i loro bisogni” - dichiara il presidente Giampiero Reggidori - “Le attività di Agrisol legate all'agricoltura proseguono indirizzate al miglioramento continuo, dal momento che per i produttori sono ormai diventati fondamentali i vari servizi che offriamo, dalla fornitura dei mezzi tecnici all'impiantistica (irrigazione, antibrina, antigrandine con reti, ecc). Abbiamo un leggero aumento della vendita degli agrofarmaci e dei fertilizzanti e per il settore impiantistica, dovuto all'ampliamento del numero di soci e quindi delle superfici coltivate assistite. Va sottolineato anche che, a causa di caldo e siccità, abbiamo fatto meno interventi fungicidi e quindi risparmiato in questo comparto. Inoltre, anche la redditività data dalla produzione di mais dei Soci, derivata dall'attività del co-generatore a biogas di Bagnacavallo, del quale Agrisol detiene il 60% delle quote, costituisce per noi un contributo importante alla mission sociale. È una struttura che ha ormai dieci anni di vita ma che continua ad avere un rendimento energetico molto alto, vicino al 99 %. Essendo alimentato a cereali costituisce anche un'importante diversa fonte redditizia per gli agricoltori che producono questo tipo di coltura, specificatamente destinata.”


Indietro   Stampa