QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Grande partecipazione alla Giornata del Grano


Grande partecipazione alla Giornata del Grano
Circa 300 persone hanno partecipato alla 24esima edizione dell'evento organizzato dal Consorzio Agrario di Ravenna
Circa 300 persone, fra produttori e tecnici del settore cerealicolo, oltre a circa 70 ragazzi dell'Istituto tecnico agrario “Perdisa” di Ravenna, hanno partecipato alla 24esima edizione della “Giornata del Grano” del Consorzio Agrario di Ravenna, organizzata nella giornata di venerdì 18 maggio presso l'azienda Gallignani a Coccolia.
Un importante momento di confronto per tutti gli addetti ai lavori della filiera, dai produttori ai tecnici, fino ai rappresentanti dell'industria di trasformazione, senza dimenticare le più importanti aziende del settore agrochimico e sementiero.
Molto partecipati i nove percorsi fra i campi prove allestiti dai tecnici del Consorzio Agrario di Ravenna, con il grande interesse riscontrato per i grani antichi e il biologico, oltre che per i percorsi tradizionali relativi alla difesa, al diserbo e alla fertilizzazione. Nel corso della mattinata si è poi un tenuto un incontro con il dott. Andrea Villani, direttore dell'Ager di Bologna, dove si è fatto il quadro della situazione dal punto di vista dei mercati, che ultimamente non stanno offrendo occasioni di redditività ai produttori.

“Siamo in una condizione di abbondanza di prodotto in un contesto di mercati sempre più globalizzati – ha ricordato Villani ai tanti agricoltori presenti – successivamente entrano in gioco l'aspetto della valorizzazione e dell'import. Dobbiamo essere bravi a valorizzare ciò che abbiamo. Una strada è quella di continuare con gli accordi di coltivazione, tramite contratti di filiera”.
Rispondere alle esigenze dell'industria molitoria e della pasta diventa fondamentale per cercare di ottenere soddisfazioni sul prezzo, per questo diviene fondamentale il supporto tecnico e agronomico del Consorzio Agrario di Ravenna, in grado di offrire competenze costantemente aggiornate tramite i propri tecnici. Infatti, solo con un supporto agronomico adeguato in termini di scelte varietali e agronomiche, si può cercare un livello quantitativo e qualitativo adeguato alle richieste del mercato.

Indietro   Stampa