QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Premio Ubu 2017 per 'Inferno'


Premio Ubu 2017 per
Ermanna Montanari e Marco Martinelli hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento per "Inferno. Chiamata pubblica per la Divina Commedia di Dante Alighieri".
Alla cerimonia di consegna di sabato 16 dicembre al Piccolo Teatro Studio Melato di Milano, in diretta su Rai Radio3-Piazza Verdi, Ermanna Montanari e Marco Martinelli hanno ricevuto il Premio Ubu 2017 “Miglior progetto curatoriale” per INFERNO Chiamata Pubblica per la "Divina Commedia" di Dante Alighieri, ideazione e regia Martinelli e Montanari, produzione Ravenna Festival in coproduzione con Teatro delle Albe/Ravenna Teatro.

Lo spettacolo, che ha coinvolto mille cittadini tramite la Chiamata Pubblica e che costituisce la prima anta del progetto LA DIVINA COMMEDIA 2017-2021, era in nomination anche come “Spettacolo dell'anno” e per il “Miglior allestimento scenico” ideato da Edoardo Sanchi con gli allievi del Biennio Specialistico di Scenografia per il teatro dell'Accademia di Belle Arti di Brera-Milano. 

Dopo il Premio della Critica 2017 dell'Associazione Nazionale dei Critici di Teatro (ANCT) a Ermanna Montanari e il Lauro Dantesco ad honorem del Centro Relazioni Culturali del Comune di Ravenna, Montanari e Martinelli insieme al Teatro delle Albe si aggiudicano per INFERNO il Premio Ubu 2017 - il più importante riconoscimento teatrale italiano alla sua quarantesima edizione, promosso dall'Associazione Ubu per Franco Quadri che si propone di dare continuità alle linee guida del grande critico e editore teatrale - che diventa per la compagnia il quindicesimo.

Tutti i premiati - Premi Ubu 2017

"Sono 40 gli anni del nostro fare teatro" hanno dichiarato i due premiati. "Sono 40 gli anni del Premio Ubu. È con gioia che salutiamo questo doppio anniversario con il Premio Ubu a INFERNO. Ogni notte, alla fine del viaggio infero, uscendo "a riveder le stelle", ci si trovava attorno a una lunga scala azzurra puntata verso il cielo, e lì ringraziavamo: era un abbraccio rituale, dopo aver attraversato insieme il regno delle tenebre. Questo premio lo condividiamo con tutti i cittadini ravennati che con le Albe e Ravenna Festival hanno realizzato INFERNO. Vogliamo ringraziarli uno a uno, dalle Bambine-Angeli alle Arpie di tutte le età, dai Soldati di vari continenti ai Diavoli esplosivi, dal coro del Flegetonte agli Avari, ai Prodighi, ai Serpenti, agli Usurai, ai Ruffiani, ai Cardinali corrotti, al coro dei cittadini che al tramonto ritmavano la processione dei primi canti, al coro degli organizzatori e tecnici e scenografi e costumisti, al coro di chi ha operato invisibilmente, al coro degli adolescenti che hanno cantato Paolo e Francesca e Beatrice, e ai musicisti che hanno ogni sera rullato senza sosta le loro percussioni, suonato le trombe e soffiato il segreto dentro le conchiglie".
 

Indietro   Stampa