QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Il cielo sopra Kibera


Il cielo sopra Kibera
 Marco Martinelli e la Divina Commedia nello slum di Nairobi
Il 3, 5 e 6 ottobre scorsi a Kibera, immenso slum nel cuore di Nairobi, in Kenya, abitato da circa 600mila persone, Dante è stato portato in scena da bambini e adolescenti delle scuole locali. Un progetto unico, ideato dal fondatore del Teatro delle Albe Marco Martinelli (affiancato da Laura Redaelli), e promosso da Fondazione Avsi: 150 piccoli allievi delle scuole Little Prince, Ushirika, Cardinal Otunga e Urafiki hanno realizzato una “messa in vita” a partire dall'esperienza della non-scuola dei tre canti della Divina Commedia, reinventati in lingua inglese e swahili.

Dopo aver visto Eresia della felicità a Milano nel 2015, Riccardo Bonacina (direttore della rivista “Vita”) e Sandro Cappello (che lavora per Avsi) hanno chiesto a Marco Martinelli di andare a Kibera, lo slum più grande di Nairobi, per immaginare uno spettacolo con i bambini e gli adolescenti a partire dall'esperienza della non-scuola, la pratica teatrale rivolta ai giovani teorizzata da Marco Martinelli e Ermanna Montanari, e che il Teatro delle Albe porta avanti dal 1991 in Italia e nel mondo.

«Quando sono arrivato lì nel 2017 per iniziare questo percorso – ricorda Marco Martinelli – mi venne subito in mente Dante, la Divina Commedia, che può sembrare strano da associare allo slum di Kibera, con oltre mezzo milione di persone senz'acqua potabile, baracche una sull'altra, immondizia ovunque, una condizione terribile. Ma la Divina Commedia è un archetipo di viaggio universale, Dante parlando di sé parla dell'umanità: da una selva oscura fatta di paura, rabbia e disperazione, il poeta, accettando di essere guidato, arriva alla luce, al paradiso».

Il progetto teatrale, dal titolo Il cielo sopra Kibera, è stato prodotto da Fondazione AVSI e diretto da Marco Martinelli, con l'assistenza di Laura Redaelli, lavorando con 150 bambini e adolescenti per reinventare la Divina Commedia. Il percorso si è sviluppato in quattro tappe di lavoro, che hanno portato al debutto a Nairobi nei primi giorni di ottobre del 2018 nelle scuole frequentate dai ragazzi stessi. Tutto questo percorso teatrale, in quei luoghi così disumani, si è trasformato in un'occasione di libertà e felicità, in cui è stata loro riconosciuta una dignità altrove calpestata.

«Abbiamo semplicemente raccontato la storia della Divina Commedia – spiega Martinelli – senza il bisogno di affrontare i versi danteschi, cosa che non avrebbe avuto senso. Abbiamo lavorato sull'improvvisazione, coinvolgendo attivamente tutti, dai bambini ai ragazzi per mettere in vita quella favola antica. Tutti questi 150 piccoli hanno impugnato la Commedia come un'arma per gridare il proprio diritto alla felicità, alla bellezza. Che è poi il motivo per cui Avsi mi ha chiamato: oltre al cibo e alla scuola sanno che occorre altro, c'è bisogno di arte, di rispondere a un bisogno profondo di questi bambini».

Il debutto del 3, 5 e 6 ottobre scorsi ha sorpreso anche il pubblico: Martinelli ha inventato un prologo, con un Dante, un Virgilio e una Beatrice di Kibera – «solo in seguito ho scoperto che Kibera significa “selva”» – e in merito all'inferno ha chiesto ai suoi piccoli attori che cosa fosse per loro, a Kibera, quali fossero per loro i gironi infernali. «Partendo da Dante e andando oltre – dice il regista e drammaturgo delle Albe – sono rimasti i politici corrotti, che erano tali 700 anni fa come lo sono oggi, in Italia e in Kenya, poi i ragazzi hanno aggiunto i loro drug-pusher (gli spacciatori), i fake lovers (i falsi amanti), una versione molto più cattiva di Paolo e Francesca, la carne umana e il sesso come carne da macello, poi certo i ladri, gli assassini. Ma quando ho chiesto quale fosse a Kibera il male più grande, ossia il Lucifero di Dante alla fine dell'Inferno, la risposta è stata unanime: il male fatto ai bambini, gli stupri, i rapimenti, da cui nascono gli abbandoni e i cosiddetti street children, che si fanno di colla, srubacchiano, vengono scacciati come cani. Alla fine è stata una messa in vita tra le più sorprendenti che abbia fatto in tutti questi anni».

Inoltre, durante i giorni del debutto, Fondazione Avsi ha dotato Martinelli di una troupe cinematografica di altissimo livello (che, come Martinelli e Redaelli, ha lavorato gratuitamente), guidata da Toni Santillo, tanto che il regista ha potuto girare un film che conta di far uscire nell'estate del 2019 e che restituirà a chi non c'era il frutto di tutta quest'avventura.

«Quella del debutto è stata una settimana molto intensa – chiosa Martinelli – il cielo sopra Kibera è una metafora, sono i sorrisi di questi bambini e adolescenti che pur vivendo un tale inferno urbano hanno una vitalità e una fame di vita e felicità che per noi sono una lezione».

Fondazione AVSI opera in diversi ambiti per favorire uno sviluppo sostenibile e duraturo con progetti che mettono al centro la persona, la famiglia e la comunità. 

Info
:

ufficiostampa@ravennateatro.com
teatrodellealbe.com
tel. 348 4730900 – 0544 36239

Indietro   Stampa