QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

L'energia secondo Seta Progetti


L
 Progettare per privati e imprese in nome di sostenibilità ed efficientamento
Seta progetti è una realtà di Faenza che opera nella progettazione energetica. È costituita da cinque soci, tre ingegneri e due periti industriali, che si sono uniti per svolgere la libera professione in forma cooperativa. Mattia Baldacci è uno dei cinque, ingegnere per l'ambiente e il territorio, specializzato in energia da fonti rinnovabili.

Quali sono i concetti chiave oggi nel settore energetico?
“Sostenibilità, fonti rinnovabili ed efficienza. In altre parole: ottenere energia con il minor impatto ambientale possibile ed evitare dispersioni e sprechi. Sono aspetti dettati in primo luogo dal senso etico e dalla volontà di rispettare l'ambiente, perché il nostro pianeta è l'unico che abbiamo e va protetto. Inoltre, da qualche tempo, le contingenze legislative ed economiche del settore spingono in questa direzione, il che è un bene”. 

In riferimento a ciò, può fornirci qualche consiglio o buona pratica da applicare?
“Tutti noi possiamo fare la nostra parte, a partire dai piccoli gesti come gestire in modo corretto l'illuminazione, scegliere elettrodomestici efficienti, climatizzare la casa attraverso un consumo elettrico più ecologico rispetto al gas. Poi si può agire sull'involucro edilizio: se riusciamo a ridurre la dispersione in casa, ad esempio tramite infissi o cappotto, ci occorrerà meno energia per ottenere lo stesso risultato”. 

E per quanto riguarda il fotovoltaico?
“È un aspetto molto interessante che porta all'autoproduzione dell'energia e può aiutare sia su piccola che su larga scala. Per i privati ci sono ancora buoni incentivi, con detrazione del 50%, in base al tipo di intervento che, tipicamente, si ripaga da solo in 8-10 anni. In ambito aziendale bastano 5 anni o anche meno”.

Seta progetti si occupa di tutto questo?
“Sì, esatto. In materia di rinnovabili la nostra cooperativa ha anticipato i tempi, visto che vi opera sin dai primi anni ‘90. Oltre all'ambiente, prestiamo molta attenzione anche al lato sociale: seguiamo vari lavori in Paesi del sud del mondo, per diffondere il nostro concetto di sostenibilità energetica”.

Quali sono i vostri servizi nel dettaglio?
“Seta Progetti nasce a seguito di una ripartizione dei compiti di una realtà già esistente, Studio Seta. Mentre Seta Progetti si occupa del lato progettuale dei lavori, Studio Seta fornisce servizi ai produttori di energia, dalla gestione degli impianti agli adempimenti energetici. Come cooperativa, ci rivolgiamo sia a privati sia alle imprese. Lavoriamo in campo idroelettrico, termotecnico, geotermico e fotovoltaico; ci occupiamo di impianti idraulici e di riscaldamento, certificazione e diagnosi energetica, perizie, collaudi ed efficientamento”.

Come nasce un collettivo per l'energia?
“Dal desiderio di associarsi per condividere le proprie conoscenze. Tutti noi di Seta progetti proveniamo da background formativi diversi, siamo ingegneri ambientali, meccanici e periti termotecnici. Insieme disponiamo di più competenze e proponiamo più servizi. Inoltre in gruppo si incrementa l'efficienza. Come dice il proverbio: l'unione fa la forza”.

Come mai avete scelto la forma cooperativa?
“Ci rappresenta di più. È una modalità dinamica e flessibile, che viene incontro alle esigenze dei soci perché mette al centro il lavoro piuttosto che il capitale”.  

Seta progetti è a Faenza in via Risorgimento, 2. Per maggiori informazioni: www.setaprogetti.it
 

Indietro   Stampa